Le delibere del consiglio dei condomini non hanno alcun valore

Il consiglio dei condomini, introdotto da recente riforma, esiste nella prassi da tempo; esso svolge una funzione di consulenza e di controllo, pertanto salvo per i super-condomini i suoi “poteri” sono notevolmente limitati.

Una delibera adottata in consiglio di amministrazione condominiale NON è valida per gli altri condomini se non è ratificata dall’assemblea di condominio con le relative maggioranze e quorum previsti dal Codice Civile.

(altro…)

Continua a leggereLe delibere del consiglio dei condomini non hanno alcun valore

Consiglio condominiale

DEFINIZIONE

La l. n. 220/2012, recependo le indicazioni della giurisprudenza e della prassi, ha riconosciuto espressamente tale figura, prevedendo, al secondo comma dell’art. 1130-bis c.c., che “l’assemblea può anche nominare, oltre all’amministratore, un consiglio di condominio composto da almeno tre condomini negli edifici di almeno dodici unità immobiliari. Il consiglio ha funzioni consultive e di controllo”.

FUNZIONI

Il Consiglio dei condomini è un organo del condominio, nel senso atecnico del termine, con prevalenti compiti consultivi e di controllo.
Molto spesso, infatti, l’istituzione di tale organo collegiale risponde alla necessità di dare un supporto all’amministratore nello svolgimento del proprio mandato, coadiuvandolo e fungendo da punto di raccordo tra lo stesso e i singoli condomini, facendo da filtro alle singole esigenze, proposte o lamentele, ma anche di svolgere una funzione consultiva e di stimolo in favore dell’assemblea, per il tramite di propri pareri.

(altro…)

Continua a leggereConsiglio condominiale

Le innovazioni nel condominio

DEFINIZIONE

Il nostro codice civile non ci fornisce una chiara definizione di innovazione, pertanto, nel silenzio del legislatore è stata la giurisprudenza a definire le innovazioni come “le modifiche materiali o funzionali dirette al miglioramento, uso più comodo o al maggior rendimento delle parti comuni” (Cass. n. 12654/2006). 

Pertanto è possibile considerare una innovazione qualsiasi opera nuova che alteri, in tutto o in parte, nella materia o nella forma, ovvero nella destinazione di fatto o di diritto, la cosa comune, eccedendo il limite della conservazione, dell’ordinaria amministrazione, con l’effetto di migliorarne o peggiorarne il godimento, o comunque alterarne la destinazione originaria.

(altro…)

Continua a leggereLe innovazioni nel condominio

CHE COS’E’ IL CONDOMINIO?

Nonostante il codice civile non fornisca una definizione puntuale di cosa sia effettivamente il Condominio, può affermarsi che esso costituisce una particolare forma di comunione, nella quale coesistono parti di proprietà esclusiva e parti di proprietà comune. Si tratta di un istituto relativamente recente, poiché il codice del 1865 non conteneva una sua disciplina, successivamente fornita, invece, dal codice del 1942.

(altro…)

Continua a leggereCHE COS’E’ IL CONDOMINIO?